Lo shopping che fa bene al cuore

da | Gen 29, 2020 | Blog | 0 commenti

Quando una seduta di shopping diventa terapeutica per il nostro umore.

Ci sono giornate in cui, sia per la stanchezza, sia per le contrarietà della vita quotidiana, ci alziamo alla mattina  e tutto ci appare grigio e desolante. 

Il primo incontro con lo specchio della stanza è una pugnalata direttamente al cuore: viso smunto e gonfio, capelli mosci, pigiamone di pile che certo non valorizza il fisico, anzi ne esalta i difetti; tutto è scoraggiante e, attraverso i vetri della finestra, i colori  pallidi e uniformi della città non migliorano il nostro umore.

Daria-MTV Credits: via Giphy

Sogniamo cieli azzurri e spiagge assolate  mentre noi, abbronzatissime, fresche ed eleganti, passeggiamo sul lungomare di Forte Dei Marmi, affascinate da vetrine raffinate e scintillanti. 

Ad un tratto un’idea ci balena nella mente… E se invece di commiserarci ci mettessimo supereleganti per trascorrere una giornata di shopping?

In un attimo siamo pronte, truccate e pettinate e solo il pensiero di regalarci un po’ di tempo ci offre una boccata di ossigeno. 

Il grigio generale sta già assumendo tinte più piacevoli. 

I love Shopping Credits: via Giphy

Ma dove andare? Non certo in un centro commerciale, dove ci si sente un numero fra mille e dove, a fine corsa, usciamo dall’ingresso tutti con i medesimi acquisti, capi tutti uguali e in serie per tanti acquirenti in divisa come soldatini.

Poi dover rovistare nei reparti fra la folla, sostare in fila per tempo infinito davanti ai camerini di prova, in cui gli specchi impietosi e le fredde luci al neon ci trasformano in figure spettrali, puntualmente troppo magre o troppo grasse. Assolutamente no.

Lo shopping si fa rigorosamente in negozio, seguite, accudite e coccolate da una commessa che si dedicherà soltanto a noi. 

Eccoci allora a passeggiare nelle vie della città, senza un vero obiettivo, curiosando fra borse, scarpe e abiti alla moda, con la frizzante sensazione di essere più belle e più donne.

Le vetrine ci attraggono e i manichini in atteggiamenti sofisticati attirano il nostro sguardo. I capi esposti, pochi e ben selezionati, rendono unica e artistica ogni vetrina.
L’attenzione di chi passa, cade sui particolari ed è bello entrare in negozio a curiosare. 

shopping in store

Una commessa gentile ci accoglie sorridente e quel sorriso stabilisce un contatto, un’intesa quasi come fra vecchie amiche. 

Con la sua esperienza ci guida  fra cappotti e abiti, soddisfacendo le nostre curiosità e richieste.
E’ paziente e premurosa, sa consigliarci nella scelta di ciò che più si addice al nostro fisico e alle esigenze personali.

In pochi minuti siamo già in confidenza e chiacchieriamo  anche della nostra vita.  

Mentre sul banco sfilano maglie colorate, gonne dal taglio originale, vestiti un pò sexy per una serata speciale, provare tutti quei capi davanti al grande specchio luminoso diventa un gioco, come quando da piccole indossavamo i vestiti e le scarpe con il tacco della mamma per sentirci grandi. 

Quando usciamo dal negozio, sempre accompagnate dalla cordialità della commessa e magari con la promessa di rivederci presto, ci sentiamo leggere e spensierate.

L’immagine di noi stesse, riflessa in quello specchio, acquista un valore da tempo perduto. 

Essere accudite, coccolate e anche un poco adulate, ci ha confortato e ridato sicurezza in noi stesse.

I vestiti acquistati, molto particolari e non dozzinali, ci rendono eleganti e uniche al tempo stesso. 

Ecco come una giornata iniziata coi toni del grigio, si è trasformata in una mattina  colorata e serena.

Ora camminiamo sorridendo, ci sentiamo più belle, padrone della nostra vita e orgogliose della nostra femminilità. 

Basta poco per scaldare il cuore, una persona gentile che si dedica a noi e che sa sorridere e un frammento di giornata da dedicarci dimenticando tutto il resto, ma soprattutto… quei bei pacchetti colorati che oscillano danzando appesi al nostro braccio mentre torniamo a casa.

sex and the city
Sex and the City – Photo Credits: via Pinterest
Arianna Pricca
Author: Arianna Pricca